Europa

Europee 2019, ‘grave minaccia di guerra’ di Moscovici agli Stati UE

È normale che un commissario UE minacci dichiarazioni di guerra alle nazioni UE che hanno un’idea di Europa diversa dalla sua? È quanto accaduto al Centre for European Reform contro tutti i sovranisti che -a quanto pare- stanno togliendo qualche ora in più di sonno a Pierre Moscovici, l’ex ministro francese già noto per avere recentemente evocato i regimi fascisti di inizio 900 con frasi riguardanti i “tanti piccoli Mussolini in giro per il Vecchio Continente”, a cui però era arrivata la tenera risposta della leader di Fratelli d’Italia.

Moscovici? Non è affatto vero che l’Italia è un problema per la zona euro: l’Italia è la nazione che tiene in piedi la zona euro ma se siamo il problema siamo pronti a togliere il disturbo. Vediamo come se la cava la zona euro senza l’Italia e vediamo come se la cava l’Italia senza l’euro.

È quanto dichiarato da Giorgia Meloni durante un intervento da Pescara dove si trovava per presentare il tavolo di lavoro del programma per le elezioni regionali.

Forse non ricordando di ricoprire il ruolo di commissario europeo e parlando da capo-fazione, Moscovici pare essersi lasciato trasportare da una serie di ultimatum e assurde provocazioni che lo hanno portato addirittura ad evocare un nuovo conflitto tra nazioni europee, se a vincere le prossime elezioni europee 2019 saranno quei partiti che nel rispetto della democrazia stanno -bene o male- cercando di rispondere alle aspettative dei propri elettori.

Senza l’Europa, sono sicuro che la guerra può riemergere qui.

È infine quanto gravemente precisato dal commissario europeo francese a più riprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *